Home » Digital » 5 strumenti per aumentare la tua produttività al lavoro

5 strumenti per aumentare la tua produttività al lavoro

Che tu sia un libero professionista o il titolare di una piccola impresa, il successo del tuo business dipende dalla produttività dei tuoi impiegati collaboratori. Non si tratta di quanto ore lavorano, riguarda quanto duramente lavorano.

Tra i motivi per cui la produttività aziendale potrebbe essere bassa ci sono: la scarsa salute dei dipendenti, la poca formazione, l’ambiente di lavoro non adeguato (per esempio, una postazione scomoda), un clima aziendale conflittuale, team disorganizzati, dipendenti demotivati.

E allora come provare ad aumentare la produttività della tua azienda? In questo articolo vediamo i migliori strumenti utili, da quelli per ottimizzare la gestione di un progetto, a quelli che evitano le distrazioni, a quelli che migliorano la comunicazione con i clienti.

Ricordati comunque di rivolgerti a un consulente informatico specializzato in sistemi aziendali per scegliere il tool più adatto alle tue esigenze.

Trello

Trello è uno strumento di gestione dei progetti che permette ai collaboratori di svolgere i loro compiti in maniera più efficace.

Si tratta di una bacheca virtuale in cui vengono creati delle schede (progetti). Ogni progetto viene diviso in task, a cui vengono assegnati responsabili e priorità.

Il tutto seguendo la metodologia Agile degli sviluppatori di software, ma che si adatta a qualsiasi tipo di progetto.

Alternativa: Basecamp

HubSpot

HubSpot è un CRM, un software che concentra tutte le informazioni dei tuoi clienti e potenziali clienti in un unico posto.

Da cosa hanno acquistato a quale percorso di acquisto hanno seguito, da quante volte hanno contattato il tuo servizio clienti a tutti i loro dati (nome, cognome, email, telefono…), Un CRM è esiziale per incrementare la produttività di tutta l’azienda, non solo del reparto vendite.

Alternativa: Salesforce

Wrike

Come si dice, “il tempo è denaro”. Wrike è un software che traccia il tempo impiegato per gestire un task.

Con questo strumento potrai vedere quanto tu o un tuo collaboratore ha lavorato su un singolo compito o su un progetto.

Utile anche per la rendicontazione verso i clienti che pagano a ore.

Alternativa: Asana

Slack

Slack è uno strumento per comunicare più efficacemente con un gruppo di lavoro.

Oltre a inviare messaggi, Slack permette anche di inviare file, che si trovino nella tua postazione locale, nel cloud, oppure sul web.

Su Slack le comunicazioni vengono raggruppate in canali. I canali possono rappresentare i diversi progetti su cui si lavora o i diversi reparti aziendali, evitando così di comunicare tutto a tutti e ottenendo una migliore organizzazione.

Molto interessanti anche le integrazioni con altri strumenti, come il succitato Trello, e tantissimi altri.

Alternativa: Microsoft Teams

Evernote

Evernote è uno strumento per organizzare note di lavoro (e non solo).

Si tratta di uno strumento molto flessibile e potente per mantenere gli appunti in un unico ambiente. Evernote permette di scrivere non soltanto note testuali, ma anche pagine web, to-do list, immagini e vocali.

Inoltre ha un potente motore di ricerca e una app per i dispositivi mobili.

Alternativa: Microsoft OneNote

Come scegliere uno strumento per aumentare la produttività?

Quelli elencati sono solo alcuni dei principali tool che potresti usare, ma ne esistono migliaia.

Quali di questi strumenti utilizzare? Quando provi qualcuno di questi strumenti, questo va a incidere sul lavoro tuo e dei tuoi collaboratori. Per cui considera bene alcune caratteristiche che deve avere, come: il costo complessivo del tool, la sua facilità di utilizzo, la popolarità, il supporto clienti, la presenza di corsi di formazione anche non ufficiali per velocizzarne l’impiego ed eseguire una corretta configurazione.