Home » Digital » Adolescenti e smartphone: come prevenire ed evitare la dipendenza

Adolescenti e smartphone: come prevenire ed evitare la dipendenza

Al giorno d’oggi è praticamente impossibile non notare il grande connubio che esiste tra adolescenti e smartphone. Non esiste giovane che non abbia sempre con sé il suo telefono. Foto, selfie, social, musica, chat, video chiamate. Ogni scusa è buona per poterlo utilizzare. Pensa che si conta che ben l’85% dei giovani tra gli 11 ed i 17 anni hanno uno smartphone e ben il 60% di questi lo controllano ancora prima di alzarsi dal letto al mattino. Purtroppo, però, esiste un filo sottile che separa l’utilità dalla dipendenza ed in molti casi vi sono dei campanelli d’allarme che possono davvero dare la svolta in questo rapporto tecnologico a volte troppo morboso. Si conta che, gli adolescenti di oggi passino addirittura più di 6 ore al giorno davanti ad uno schermo. Un lasso di tempo davvero elevato se si pensa a come il cervello a quell’età sia tanto reattivo e pronto a catturare tutti i diversi stimoli esterni. Il progresso ha portato ad un netto cambiamento in questo senso. Scuole sempre più tecnologiche, smartphone economici con alte prestazioni, social sempre più interattivi ed un’infinità di applicazioni e giochi. La tecnologia è sicuramente un valido aiuto, ma deve essere utilizzata nel modo corretto e questo buon rapporto deve essere instaurato fin da subito.

Adolescenti e smartphone: l’educazione ad un uso consapevole

Gli smartphone facilitano di gran lunga la vita. Con un solo click puoi avere praticamente risposta a qualsiasi domanda e necessità. Vuoi trovare il biglietto per il concerto del tuo cantante preferito? Vuoi acquistare il biglietto per andare a tifare la tua squadra del cuore? Vuoi trovare la frase giusta da scrivere nel bigliettino d’auguri di chi ti piace? Internet ha tutte le risposte. Certo è una vera comodità, ma bisogna ammettere che in alcuni casi si perde un po’ di magia La tecnologia è una vera risorsa, ma va utilizzata con testa perché le emozioni devono venire prima di tutto. I giovani hanno una capacità di apprendimento davvero incredibile ed è importante educarli fin da subito ad un uso responsabile del telefonino e di tutti i diversi apparecchi tecnologici in generale. Come fare? Ecco per te qualche consiglio che potrebbe esserti utile.

L’importanza del dialogo

La prima cosa che ci teniamo a dire è che il dialogo deve sempre essere alla base di tutto. I giovani hanno bisogno di essere ascoltati e di essere guidati ma senza un’intromissione che sia troppo invadente. Certo, non è facile trovare l’equilibrio giusto, ma non è facile nemmeno crescere e trovarsi a dover fare gli adulti da un giorno all’altro. L’adolescenza è un periodo molto particolare, e forse è il momento in cui i figli hanno più bisogno in assoluto di sostegno. Prima ancora di creare le giuste regole riguardo all’utilizzo dei dispositivi tecnologici, si deve creare un buon dialogo di base. Se c’è quello ecco che tutto può diventare più semplice.

Poche ma precise regole

Per gestire il delicato rapporto tra adolescenti e smartphone devono esserci delle regole chiare e precise fin dal primo momento. È importante, ad esempio, definire dei momenti in cui non è ammesso l’utilizzo di nessun dispositivo tecnologico. I pasti, le riunioni di famiglia, i momenti di gioco, ecc. Stabilisci dei paletti ben precisi per far capire come il contatto reale sia sempre la miglior scelta rispetto al contatto virtuale. Altra cosa fondamentale, poi, è il buon esempio. Non si può imporre all’adolescente un uso troppo limitato e poi avere noi per primi lo smartphone sempre in mano. Insomma, predicare bene ma razzolare male è davvero controproducente.

Come riconoscere la dipendenza dallo smartphone?

Prima di lasciarti vogliamo darti alcune informazioni utili affinché tu possa capire se vi è o meno una dipendenza dal telefonino. I campanelli d’allarme possono essere molteplici ed è bene osservarli e valutarli con attenzione:
  • uso troppo prolungato
  • fatica a staccarsi dallo schermo
  • irritabilità ed ansia quando non si usa lo smartphone
  • poca voglia a socializzare
  • poca attrazione verso tutte le attività che non implicano l’uso del telefono
  • calo netto del rendimento scolastico
  • mal di testa frequenti
  • affaticamento della vista od addirittura disturbi visivi
  • insonnia
  • calo dell’appetito
Quando è presente più di uno di questi segnali allora è bene prendere in mano la situazione e cambiare qualcosa nella gestione dell’utilizzo degli apparecchi tecnologici. L’adolescenza è un periodo meraviglioso pieno di cambiamenti e scoperte, ma allo stesso tempo ricco di paure e difficoltà. Sta a noi genitori saper guidare i ragazzi nel modo giusto affinché capiscano qual è la loro strada certi che avranno comunque sempre un sostegno ed una grande comprensione.