Home » Consigli utili » Come riconoscere un sensore fotografico di qualità

Come riconoscere un sensore fotografico di qualità

Ogni fotocamera digitale ha al suo interno un dispositivo a stato solido che, come una pellicola, cattura la luce che penetra attraverso l’obiettivo per formare un’immagine. Questo dispositivo si chiama sensore.

I consumatori hanno ora la possibilità di un numero di telecamere diverse con sensori di dimensioni diverse, tutte allo stesso prezzo. Ogni tipo di sensore presenta sia vantaggi che svantaggi: con una tale scelta in offerta, vale la pena capire cosa sono, quindi cos’è esattamente un sensore?

Cos’è un sensore di una fotocamera

Un sensore è un dispositivo a stato solido che cattura la luce necessaria per formare un’immagine digitale. Mentre il processo di produzione di un sensore è ben al di fuori dell’ambito di questa funzione, ciò che accade essenzialmente è che i wafer di silicio sono usati come base per il circuito integrato, che sono costruiti attraverso un processo noto come fotolitografia. Qui è dove i pattern dei circuiti vengono proiettati ripetutamente sul wafer (sensibilizzato), prima di essere trattati in modo che rimanga solo il pattern. Stranamente, questo ha molte somiglianze con i processi fotografici tradizionali, come quelli usati in una camera oscura durante lo sviluppo di film e stampa.

Questo processo crea milioni di minuscoli quadratini noti come pixel e in ogni pixel ci sarà un elemento sensibile alla luce che può rilevare quanti fotoni sono arrivati in quella particolare posizione. Poiché la carica prodotta da ciascuna posizione è proporzionale all’intensità della luce che cade su di essa, diventa possibile riprodurre la scena come la vedeva originariamente il fotografo, ma prima che ciò sia possibile devono avvenire diversi processi.

Poiché il sensore è un dispositivo analogico, questa carica deve prima essere convertita in un segnale, che viene amplificato prima di essere convertito in una forma digitale. Quindi, un’immagine può eventualmente apparire come una raccolta di oggetti e colori diversi, ma a un livello più elementare a ciascun pixel viene semplicemente assegnato un numero in modo che possa essere compreso da un computer (se ingrandisci un’immagine digitale abbastanza lontano, lo farai essere in grado di vedere che ogni pixel è semplicemente un singolo quadrato colorato).

Oltre ad essere un dispositivo analogico, un sensore è anche colorato. Affinché possa percepire colori diversi, un sensore di filtri colorati viene posizionato sul sensore, con il doppio dei filtri verdi rispetto a quelli di ciascun rosso e blu, per abbinare la maggiore sensibilità del sistema visivo umano verso il colore verde. Questo sistema significa che ogni pixel riceve informazioni sul colore solo per il rosso, il verde o il blu – come tale, i valori per gli altri due colori devono essere indovinati da un processo noto come demosaicing. L’alternativa a questo sistema è il sensore Foveon, che utilizza strati di silicio per assorbire diverse lunghezze d’onda, con il risultato che ogni posizione riceve informazioni di colore completo.

Sensore CCD

Utilizzati per diversi anni nelle videocamere e nelle foto, i CCD offrono da tempo una qualità d’immagine superiore ai sensori CMOS, con una migliore gamma dinamica e controllo del rumore.

Fino ad oggi sono utilizzati nelle compatte di bilancio, ma il loro maggiore consumo energetico e la costruzione di base hanno significato che sono stati ampiamente sostituiti da alternative CMOS. Tuttavia, sono ancora utilizzati nei dorsi di medio formato in cui i vantaggi della tecnologia CMOS non sono necessari.

Sensore CMOS

Da tempo considerato un concorrente inferiore al CCD, i sensori CMOS hanno progredito per adeguarsi o migliorare lo standard CCD.

Con più funzionalità integrate su chip rispetto ai CCD, i sensori CMOS sono in grado di funzionare in modo più efficiente e richiedono meno energia per farlo, e sono più adatti per l’acquisizione ad alta velocità.

Come tali, sono richiesti nelle fotocamere in cui la ripresa a raffica è fondamentale, come la serie 1D di fotocamere DSLR Canon.

Sfortunatamente, anche Java è un po ‘complicato e non è un ottimo “primo linguaggio”. Questo è ciò che costituirà la più grande barriera per molte persone che vogliono iniziare con lo sviluppo di Android, in effetti. Android è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti con argomenti confusi come costruttori, eccezioni puntatore nullo, eccezioni controllate e altro. Non è terribilmente leggibile e userai molto codice “piastra della caldaia” per fare cose semplici. Aggiungete l’SDK Java e le cose si complicano ancora: un programmatore per la prima volta può fare fatica a sapere cos’è Java e cos’è Android. Lo sviluppo che utilizza questo percorso richiede anche una comprensione di base di concetti come Gradle, come Android Manifest e il linguaggio di markup XML.