Home » Casa » Come scegliere una scopa elettrica: guida all’acquisto

Come scegliere una scopa elettrica: guida all’acquisto

Uno degli elettrodomestici oggi più desiderati è sicuramente la scopa elettrica. Si tratta di un apparecchio che può integrare il classico aspirapolvere a traino oppure anche sostituirlo del tutto. Il vantaggio principale della scopa elettrica sta nel fatto che è più compatta, più maneggevole e più leggera per snellire e velocizzare tutte le tediose pulizie di casa. Purtroppo, anche a voi sarà capitato di dover rinunciare al vostro tempo libero per occuparvi delle faccende domestiche e avere desiderato un metodo più veloce e anche efficace.

La novità del settore si chiama scopa elettrica, lo strumento che stavate aspettando per pulire tutti i pavimenti di casa in velocità. Ci sono moltissime scope elettriche sul mercato e trovare quella che fa al caso vostro non è un’operazione molto facile; dovete valutare diversi aspetti e prendere in considerazione una miriade di fattori tra cui potenza, autonomia e modalità di raccolta dello sporco. Per riuscire a trovare la soluzione ideale, ecco un breve confronto tra scope elettriche con e senza filo e con e senza sacchetto.

Con o senza filo?

Quando siete alla ricerca di una scopa elettrica, uno degli aspetti da prendere in considerazione è con o senza cavo elettrico. Non c’è una scelta giusto o sbagliata: dipende dalle vostre preferenze. In linea generale, si può dire che la scopa elettrica con il cavo elettrico ha un’autonomia illimitata perciò pulite tutta casa senza problemi. L’unico inconveniente è rappresentato proprio dal filo che risulta scomodo perché intralcia. Spesso capita di doversi fermare perché il cavo non arriva dalla camera fino alla cucina. Controllate la lunghezza del cavo perché più lungo è, meglio è. Conoscere la valutazione e recensioni di prodotti come la scopa elettrica è sempre utile per orientarsi durante l’acquisto.

Le scope elettriche senza filo sono molto pratiche perché non inciampate nel cavo e siete liberi di girare da una stanza all’altra senza dovervi fermare per spostare il cavo. L’unico problema potrebbe essere rappresentato dall’autonomia. Una scopa elettrica senza filo va caricata proprio come uno smartphone ed esiste il rischio che si spenga da un momento all’altro durante le pulizie domestiche. Oggi, per fortuna, gli apparecchi migliori garantiscono una buona autonomia ma ricordate di verificare questo parametro tra le caratteristiche del prodotto. La scopa elettrica senza filo si ricarica nella sua postazione che spesso può essere fissata al muro per maggiore praticità.

Esiste anche un’ultima differenza che vale la pena citare quando scegliete tra scopa elettrica con o senza filo. Di solito, una scopa elettrica wireless può esser più pesante rispetto a quelle con il cavo perché contiene la batteria. La differenza non dovrebbe essere sostanziale ma il peso va di pari passo con la manovrabilità perciò va valutato con attenzione.

Con o senza sacchetto?

Le scope elettriche possono avere il sacchetto per contenere la sporcizia raccolta dal pavimento oppure convogliare tutto lo sporco in uno serbatoio. La differenza principale tra quelle con sacchetto e senza, sta nel fatto che la prima ha una capacità maggiore. Infatti, il sacchetto molto capiente e potete utilizzare il vostro apparecchio per pulire casa senza dovervi fermare spesso per svuotare il sacchetto. Esiste però un inconveniente poiché dovete sempre avere una scorta di sacchetti di ricambio. Purtroppo, parti di ricambio come queste sono difficili da trovare e hanno un costo piuttosto alto.

Le aspirapolveri senza il sacchetto raccolgono la polvere in un contenitore che però ha una capacità piuttosto ridotta. Questo implica che bisogna fermarsi più spesso per svuotare il serbatoio. Ultimamente, questi prodotti sono stati migliorati rendere possibile svuotare il serbatoio direttamente nel bidone della spazzatura senza venire in contatto con la sporcizia. Si tratta quindi di una modalità valida che può fare al caso vostro.