Home » Business » Compro oro: come funzionano e cosa c’è da sapere

Compro oro: come funzionano e cosa c’è da sapere

Il Compro Oro è un’attività molto diffusa in tutta l’Italia. Il Compro Oro rappresenta un’ottima possibilità di guadagnare una discreta somma di denaro vendendo gioielli oppure oggetti in oro inutilizzati. Data la tipologia di negozio, dunque, è molto importante prendere alcune precauzioni per poter vendere il proprio oro in completa sicurezza. Oggi, perciò, andremo a vedere come funzionano i negozi Compro Oro e a cosa bisogna prestare attenzione.

Come funzionano i negozi compro oro

All’interno dei negozi Compro Oro avviene la compravendita di gioielli o altri oggetti in oro, ma anche di altri materiali preziosi come l’argento. Una volta valutato e pesato l’oro, l’acquirente, ovvero in questo caso il negozio di Compro Oro, propone il prezzo commisurato al valore dell’oro al venditore, che, ovviamente, potrà decidere se accettare o meno l’offerta. La quotazione dell’oro usato è molto variabile, infatti può arrivare a cambiare anche giorno dopo giorno, per questo vi consigliamo di controllare la quotazione del mercato prima di recarvi in un negozio di Compro Oro per vendere i vostri gioielli. Alla fine della fase di vendita, se i beni preziosi non risultano essere rivendibili, vengono mandati in ditte specializzate alla lavorazione dell’oro dove vengono sottoposti ad un processo di raffinazione e fusione per poter, in seguito, produrre nuovi gioielli o addirittura lingotti.

Le precauzioni da prendere per vendere l’oro in sicurezza

Purtroppo il settore dei Compro Oro non è esente da tentativi di truffa ai danni dei clienti, per questo è importantissimo prendere determinati accorgimenti affinché si possa vendere il proprio oro in negozi certificati e in totale sicurezza. Innanzitutto, l’aspetto più importante è quello che riguarda l’iscrizione all’Oam, ovvero l’organismo agenti e mediatori. Per legge, infatti, il negozio di Compro Oro deve assolutamente essere iscritto al Registro Operatori Compro oro per poter esercitare la professione, dunque, prima di recarvi presso un negozio Compro Oro, assicuratevi che l’attività risulti regolarmente iscritta a questo registro.
Il secondo punto riguarda il rispetto delle norme antiriciclaggio, la legge infatti stabilisce un tetto massimo per il pagamento in contanti. Questo limite è posto a €499, dunque, nel caso in cui la cifra superi questa soglia, il pagamento deve essere necessariamente fatto tramite metodi tracciabili, come un assegno o un bonifico, in quest’ultimo caso deve essere rilasciata la relativa ricevuta con tutti i dati, ovvero Codice Riferimento Operazione, IBAN e causale, nel caso di pagamento tramite assegno, invece, il numero dell’assegno deve essere riportato sulla ricevuta d’acquisto.
Una volta conclusa la vendita, il Compro Oro dovrà rilasciare una ricevuta che contenga tutti le informazioni necessarie, ovvero i dati completi del cliente, i dettagli dei beni preziosi, nonché il metodo di pagamento e soprattutto la quotazione dell’oro al momento dell’operazione.

I nostri consigli

Oltre alle precauzioni esposte prima, vi consigliamo di prendere altri accorgimenti prima della vendita del vostro oro perché la prudenza non è mai troppa. Questi consigli riguardano proprio il peso e la quotazione dell’oro, infatti vi suggeriamo, per prima cosa, di pesare i vostri beni preziosi a casa prima di portarli al negozio di Compro Oro e anche di controllare la quotazione dell’oro usato, così da poter essere sicuri che ciò che vi sta proponendo il negoziante corrisponda con i dati corretti. Inoltre, fidatevi solamente di Compro Oro conosciuti e con riscontri positivi. Infine, una volta conclusa la vendita, il vostro oro rimarrà al negozio per almeno dieci giorni, poiché le autorità dovranno effettuare dei controlli su di esso, dunque, durante questo periodo avrete a disposizione il diritto di recesso in caso di ripensamenti.