Home » Consigli utili » Donne, integratori e fitness: cosa sapere e come agire

Donne, integratori e fitness: cosa sapere e come agire

Si sente parlare spesso di integrazione e fitness, sotto ogni salsa e per ogni tipologia di risultato, ma molti tendono a cadere in errori grossolani quando si cimentano in questo topic, approssimando in modo sconsiderato sui consigli e sulle dosi degli integratori da assumere, finendo anche col mettere in pericolo la salute del soggetto in questione. Nel corso di questo articolo andremo a vedere quelli che sono le principali funzionalità degli integratori per la palestra per donne o semplicemente quelli che sono i migliori integratori per il fitness per le donne.

Uomo vs Donna: non siamo fatti allo stesso modo

Uno degli errori che spesso vengono fatti dai meno esperti è trattare il corpo di una donna come se fosse quello di un uomo. Niente di più sbagliato!
Uomini e donne presentano, a livello organico, delle differenze sostanziali, che richiedono un impiego di energie diverso. Partendo da questo punto anche l‘integrazione sarà prettamente diversa, soprattutto durante l’allenamento, momento in cui gli ormoni vengono rilasciati in circolo, determinando un consumo più o meno alto di macromolecole (glucidi, lipidi e proteine) diverso da persona a persona.
Soffermandoci sugli integratori in palestra per le donne, pensiamo per esempio all‘integrazione proteica, che normalmente è quella che spesso viene amplificata, in quanto grazie all’allenamento contro-resistenza (per esempio), si può avere un guadagno nella massa muscolare, ma affinché ciò avvenga abbiamo la necessità di integrare più proteine, in quanto rappresentano dei veri e propri mattoncini per i nostri muscoli.
Fatta questa premessa, l’integrazione proteica nell’uomo è molto più marcata rispetto alla donna, in quanto l’uomo deve sostenere una massa muscolare maggiore. Tuttavia molti PT inesperti non fanno questa distinzione, consigliando (illegalmente tra l’altro) dosi di proteine fin troppo alte, che minano la salute renale del soggetto in questione.
Per una donna viene consigliata l’assunzione di circa 1,2/1,5g di proteine per chiloframmo di peso corporeo durante l’allenamento, mentre nell’uomo si può giungere anche a valori di 2,3 g per chilogrammo di peso negli allenamenti di forza.

La lotta alla ritenzione idrica

Allontaniamoci dal topic prettamente sportivo per affrontare un discorso relativo agli integratori ditness per donne.
Quando si parla di allenamento e fitness al femminile, uno dei fantasmi principali è caratterizzato dalla ritenzione idrica, condizione nella quale il corpo fa fatica a drenare i liquidi in eccesso, che accumulandosi causano pesantezza, gonfiore agli arti e senso di malessere in alcuni casi.
Erroneamente si pensa che questa condizione sia totalmente un problema della popolazione femminile, ma in realtà colpisce anche molti uomini.
Il motivo per il quale colpisce principalmente le donne, si deve al fatto che le donne presentino in media un tasso di massa grassa maggiore ed un tasso di massa magra minore rispetto agli uomini.
Vi sono diversi metodi per cercare di combattere la ritenzione idrica, ma una cosa deve essere chiara: non esiste una formula magica, ma il cambiamento nello stile di vita.
Al fine di eliminare la ritenzione idrica, una donna deve limitare i comportamenti sedentari ed approcciare un programma di allenamento che unisca i benefici dell’allenamento aerobico a quelli dell’allenamento contro-resistenza. In particolar modo qust’ultimo è correlato ad ottimi risultati in termine di riduzione del fenomeno della ritenzione idrica.

Integrazione per limitare la ritenzione idrica

Abbiamo visto quanto importante sia l’allenamento, ma tornando al tema principale, parliamo di alimentazione e integrazione.
Spesso un consumo elevato di sale, carboidrati e grassi, favorisce l’insorgere della ritenzione idrica.
Il consiglio principale è quello di bilanciare i macronutrienti e approcciare una dieta equilibrata che scongiuri ogni tipo di complicanza, a prescindere o meno da questo fenomeno.
Esistono alcuni alimenti in particolare che aiutano a placare questo fenomeno: il ribes, il ciliegio, l’ortosifo o la pilosella.
Questi alimenti, inseriti all’interno di un piano ben ponderato aiutano, non solo a ridurre la ritenzione idrica, ma anche la cellulite o le condizioni di stress ossidativo, dovuti ad accumulo di radicali liberi.
Oltre a questo esistono però diversi integratori, che riescono a massimizzare la funzionalità degli alimenti appena citati. In commercio abbiamo una serie di integratori drenanti, che accompagnati da un cambio radicale dello stile di vita del soggetto, permettono di raggiungere grandissimi risultati.
Non abbiate paura di dover affrontare il problema “ritenzione” e diffidate dai consigli di esperti improvvisati che consigliano in modo srpopositati integratori per la palestra e integratori fitness per donne. Il nostro corpo è dotato dei migliori sistemi per auto-curarsi, ma noi dobbiamo prenderci cura di lui, affinché possa funzionare nel migliore dei modi.