Home » Digital » Le migliori chiavette per lo scarico dati del tachigrafo digitale

Le migliori chiavette per lo scarico dati del tachigrafo digitale

La legge obbliga ogni azienda di trasporti e ogni conducente a fare lo scarico dati dal tachigrafo digitale. Sono due le tipologie di dati le imprese devono scaricare e archiviare: quelli dell’attività dei singoli guidatori e quelli della memoria di massa del tachigrafo digitale.

I primi vanno scaricati ogni 28 giorni tramite la Carta Conducente, i giorni partono dalla data di emissione della Carta, a prescindere dal fatto che venga utilizzata o meno. I secondi invece vanno scaricati almeno ogni 90 giorni a partire dalla data di calibrazione impostata dall’officina.

Tutti i guidatori, prima di iniziare a esercitare la professione, sono informati su queste e altre norme. Devono infatti partecipare a un corso sul corretto funzionamento del tachigrafo digitale. In questi corsi di formazione viene spiegato loro l’uso di questo strumento, le regole dei turni di guida e quelle per lo scarico dati.

Esistono diversi modi per effettuare dal tachigrafo digitale scarico dati e in questo articolo presentiamo quello più comodo e comune: l’uso delle chiavette Download Key Pro.

DLK Pro: scarico dati del tachigrafo digitale semplice e veloce

La chiavetta DLK Pro rappresenta lo strumento ideale per fare lo scarico dati dal tachigrafo digitale. Nella sua versione Pro S è pronta per operare con il Tachigrafo Intelligente DTCO 4.0 di nuova generazione.

Lo scarico avviene grazie all’interfaccia seriale a 6 pin compatibile con tutti i tachigrafi digitali. Oltre a questa, sulla DLK Pro S troviamo l’alloggiamento per la Carta Conducente e un’uscita USB che permette lo scarico e l’archiviazione verso il PC.

La chiavetta ha dimensioni tascabili e per questo è uno strumento molto pratico e facile da usare. Tuttavia bisogna prestare sempre molta attenzione per evitare di smarrirla. Onde evitare situazioni spiacevoli, consigliamo infatti di fare il più spesso possibile una copia di backup dei dati scaricati così da non incorrere in sanzioni da parte delle autorità.

La Download Key Pro S riesce ad archiviare circa 6.000 download trimestrali; non necessita di alimentatore esterno durante l’uso e compie lo scarico in meno di 30 secondi. Queste chiavette per lo scarico dati dal tachigrafo digitale hanno anche uno schermo da 2.2” su cui troviamo diverse informazioni utili tra cui:

  • Elenco degli ultimi scarichi
  • Promemoria per i download da effettuare
  • Livello di carica e di capacità di archiviazione
  • Impostazioni e lingua del dispositivo

Ad oggi, la DLK Pro S rappresenta lo strumento più comodo per lo scarico dati. Rende infatti autonomi i conducenti ed è comoda e facile da trasportare grazie alle sue dimensioni ridotte.

Completare lo scarico dati dal tachigrafo digitale: i terminali automatici

Una volta che il conducente scarica sulla sua DLK Pro S i dati della Carta Conducente e del tachigrafo è necessario che quei dati vengano archiviati correttamente, cosicché arrivino sui computer dell’azienda di trasporti. Questo avviene grazie a dei terminali automatici che possono essere installati in sede. Il dipendente può portare a termine in autonomia la procedura scaricando i dati inserendo direttamente la propria Carta Conducente o portando con sé la Donwload Key Pro S.

L’azienda in questo modo raccoglie tutti i file DDD assolvendo agli obblighi di legge e ottenendo dati utili a monitorare il lavoro dei propri dipendenti su ogni mezzo e in ogni momento. Periodicamente, essa dovrà anche generare dei report a partire proprio dai dati ottenuti con gli scarichi: l’obiettivo di questi report è quello di segnalare eventuali infrazioni da parte dei conducenti mantenendoli informati. I big data generati in questo modo permettono anche all’azienda di ottimizzare i tempi di lavoro dei dipendenti e di risparmiare sulle sanzioni.

Infine, salvare i dati dei guidatori e della memoria di massa del tachigrafo è molto utile anche a livello di sicurezza: mantenera una copia dei dati in sede permette di evitare eventuali data leak.

Leggi anche l’articolo: Milano inedita: un “monumento”