Home » Casa » Piastra elettrica in cucina: come funziona, vantaggi e svantaggi

Piastra elettrica in cucina: come funziona, vantaggi e svantaggi

Se stai arredando casa e ti stai chiedendo se optare o meno per una piastra elettrica in cucina sei capitato proprio nel posto giusto.

Se c’è una cosa che mette sempre in crisi tutte le persone che stanno mettendo su casa è proprio la cucina.

D’altronde, la cucina è il vero cuore di ogni dimora e darle la giusta attenzione quando la si progetta e sceglie è sicuramente più che giusto.

Il mondo dell’arredamento per la cucina è davvero immenso e se non si hanno le idee chiare fin da subito risulta praticamente impossibile arrivare ad una scelta definitiva in poco tempo.

Il piano di cottura, poi, è sicuramente il primo grande dubbio che si deve affrontare ed il nostro obiettivo è quello di farti scoprire la piastra elettrica per cucinare per aiutarti a capire se è la scelta giusta per te o meno.

Mettiti comodo perchè le cose da dire sono davvero moltissime.

Piastra elettrica in cucina: tutto quello che c’è da sapere

Se dovessimo pensare alle cucine dei nostri cari nonni, ecco che sembra impossibile vedere tutti i diversi accessori e strumenti in quelle moderne che si possono ammirare un po’ dappertutto al giorno d’oggi.

Il progresso tocca ogni settore ed anche la cucina non è sicuramente passata indenne da tutto questo.

Cucine sempre più all’avanguardia con oggetti sempre più tecnologici e, bisogna ammetterlo, anche piuttosto attenti all’ambiente.

La cucina del futuro è una cucina sempre più eco sostenibile e la piastra elettrica è il primo elemento in assoluto per soddisfare questa esigenza.

Ma come funziona davvero questo piano di cottura? E quali sono i suoi pregi ed i suoi difetti? È arrivato il momento di scoprirlo.

Come funziona una piastra elettrica in cucina?

Partiamo prima di tutto con il capire cos’è una piastra elettrica per cucinare.

In pratica, altro non è che un piano di cottura classico solo che non necessita dell’uso del gas, ma utilizza la forza dell’energia elettrica.

Già guardandola si può notare la sua nette differenza con il classico piano di cottura a gas.

La modalità di piastra elettrica si presenta come uno strato piano ed uniforme in vetro ceramica.

Non vi sono fiamme od altro. Tutto avviene tramite il piano che riscaldandosi trasmette il calore alla pentola.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della piastra elettrica in cucina?

Ora che hai capito sia la forma che il funzionamento di questo tipo di piano di cottura elettrico, è passato il momento di analizzare meglio il tutto per capire quali sono i pro ed i contro della piastra elettrica per cucinare.

I vantaggi sono sicuramente interessanti e sono i seguenti:

  • pulizia molto più semplice e veloce. Essendo un piano dritto ed uniforme è davvero semplicissimo procedere con la pulizia vera e propria del tutto. Con una passata avrai già passato tutto il ripiano senza perdere troppo tempo;
  • risparmio sulla bolletta per chi utilizza fonte di energia rinnovabili, ad esempio i pannelli foto voltaici;
  • eliminazione del pericolo di fughe di gas;
  • alto rendimento ed alta velocità nell’ottenere la temperatura desiderata;
  • a prova di bambino visto che la piastra si riscalderà solo ed esclusivamente nella zona di cottura lasciando, invece, ben fredde tutte le altre parti circostanti;
  • cottura uniforme ed ottima distribuzione ed uso del calore.

Ci sembra giusto, però, analizzare anche gli eventuali svantaggi che, a dire il vero, sono praticamente nulli:

  • il costo iniziale è un po’ più alto rispetto ad un piano di cottura a gas classico;
  • dovrai necessariamente usare solo ed esclusivamente pentole adatte al piano di cottura elettrico.

Come puoi notare, optare per un piano di cottura elettrico può essere davvero un’ottima soluzione eco sostenibile.