Home » Consigli utili » Stampaggio a iniezione di materie plastiche: caratteristiche e vantaggi principali

Stampaggio a iniezione di materie plastiche: caratteristiche e vantaggi principali

Tra le tante tecniche utilizzate per creare oggetti in plastica la più diffusa, al giorno d’oggi, è lo stampaggio a iniezione di polimeri.

Lo stampaggio a iniezione è un processo particolarmente indicato per i cicli di produzione su richiesta del cliente, esistono infatti tantissime aziende che operano in questo settore ormai da svariati anni.

Il processo di stampaggio a iniezione di materiali plastica consiste nel fondere polimeri di materiale plastico, che una volta giunti a temperatura ottimale, vengono iniettati tramite un getto ad alta pressione nella cavità dello stampo.

In un secondo momento, una volta che il materiale si sia raffreddato, questo stampo viene aperto, rivelando l’oggetto al suo interno agli operatori, che ne verificano la qualità costruttiva.

Per cosa viene utilizzato lo stampaggio a iniezione di polimeri?

Questo metodo di stampaggio a iniezione di materiali plastici di Stamplast, è stato concepito al fine di riuscire a produrre grandi quantità di un singolo prodotto, tutti identici tra loro, praticamente sovrapponibili.

Ideale quindi per la produzione di apparecchiature mediche, come ad esempio i raccordi dei vari tubi utili alla respirazione assistita, alla realizzazione di giocattoli, cover per telefonini e telecomandi ed oggettistica comune in tutte le abitazioni come ad esempio bacinelle, vasi e sottovasi. Infine ultimo ma non meno importante, tramite questo processo si possono creare oggetti di elevata importanza, spesso utilizzata nell’industria delle automobili ed in quella aerospaziale.

Come avviene la creazione di oggetti tramite la stampa ad iniezione?

Lo stampaggio a iniezione di materiali plastici è un processo standard per quasi tutte le aziende, si utilizza uno stampo in alluminio, materiale che ha una dispersione del calore non troppo veloce, rendendo i tempi di creazione non troppo veloci. Così facendo, questo lasso di tempo permette agli operatori di controllare la quantità di materiale all’interno dello stampo, e che ogni pezzo realizzato rispetti gli standard di qualità.

I polimeri plastici vengono caricati all’interno di un cilindro, chiamato caricatore, dove saranno riscaldati fino alla loro fusione, successivamente tramite appositi canali, verranno iniettati ad alta pressione all’interno dello stampo. Una volta freddo, gli espulsori (piccole leve simili a crick) renderanno più semplice la rimozione del pezzo ultimato dallo stampo, senza rovinarlo ovviamente.

Anche se il ciclo di uno stampaggio a iniezioni di materie plastiche prevede diverse fasi, dall’inizio alla fine il processo di stampa può essere diviso in tre fasi ben diverse tra loro.

La prima fase avviene con l’introduzione dei granuli di plastica all’interno della cilindro della pressa, nella quale verrà scaldata ed iniettata nello stampo.

La seconda fase è quella di raffreddamento, in questo periodo occorrerà del tempo affinché il materiale plastico si raffreddi e solidifichi.

Infine la fase finale è quella del rilascio del prodotto, tramite estrattori l’oggetto ultimato viene staccato dallo stampo.

Per un’azienda ridurre al minimo questi tempi di produzione equivale ad aumentare il guadagno, poiché diventa fondamentale realizzare il maggior numero di pezzi nel minor tempo possibile, sempre rispettando gli alti standard di qualità.

Quali sono i vantaggi di questo tipo di stampa?

I vantaggi di questo tipo di stampa sono innumerevoli, ad esempio si ha un’elevata produttività unita a dei bassissimi costi di produzione vista l’alta presenza processi automatizzati grazie all’utilizzo di macchinari specifici.

Con questo metodo di stampaggio a iniezione di materie plastiche si possono produrre oggetti dalle forme più diverse, sia piccole che grandi, utilizzando diversi colori o materiali.

Ogni azienda dunque permette di avere diversi oggetti a disposizione, alcune aziende infatti si sono specializzate su alcuni prodotti utili ad esempio al giardinaggio (come ad esempio raccordi e tubi per innaffiare, innaffiatoi classici, fascette), in base alle vostre esigenze controllate quale stabilimento avete nelle vostre vicinanze, in ogni caso grazie a questo metodo di stampa rimarrete sicuramente soddisfatti al cento per cento.