Home » Consigli utili » Termometro digitale: guida all’uso

Termometro digitale: guida all’uso

Il termometro digitale è un accessorio indispensabile per controllare le variazioni di temperatura corporea. Si tratta in particolare del termometro utilizzato per i controlli medici che riguardano la misurazione della febbre, questo accessorio è presente nella maggior parte delle case e viene utilizzato per la sua praticità e semplicità d’uso da uomini e donne di ogni età. Rispetto al termometro classico quello digitale assicura una maggiore accuratezza nella misurazione della temperatura e consente inoltre il display è molto più semplice da leggere rispetto a quello del termometro tradizionale. Non tutti sanno che il primo termometro risale al 1607, nel 1709 nasce invece quello all’alcool di Fahrenheit e solo 30 anni dopo si avrà quello al mercurio antecedente alla versione digitale. Per quanto riguarda la misurazione della temperatura attraverso la scala Celsius questa si avrà solamente nel 1742. Sul mercato attuale è possibile acquistare diversi generi di termometri ognuno con caratteristiche differenti che rendono la scelta del più adatto abbastanza difficile. Per orientarsi al meglio infatti è necessario conoscere il funzionamento dei singoli modelli.

Termometro digitale come funziona?

Il termometro digitale è uno dei modelli più recenti e precisi, il suo funzionamento si basa su di un sensore che varia la misurazione in base alla temperatura corporea e per mezzo di un circuito elettrico questa viene tradotta in numero sul display presente. La maggior parte degli utenti lamenta la scarsa affidabilità di questo modello di termometro in realtà però secondo gli esperti si tratta del modello più preciso, l’incapacità di utilizzarlo o il fatto di utilizzarlo in modo sbagliato porta poi ad una misurazione non precisa. Il bulbo di questo modello di termometro, a differenza di quello montato sulla versione in vetro, è molto più piccolo, per questo motivo si consiglia di preferire un modello con la base dell’attaccatura del bulbo flessibile così che questo possa adattarsi alle forme del corpo. In questo modo sarà possibile ottenere una misurazione veloce e precisa in poco tempo.

Termometri moderni

Tra i termometri di ultima generazione ci sono quelli ad infrarossi che consentono una misurazione immediata della temperatura attraverso la proiezione del calore da parte del canale auricolare o della parte anteriore della fronte. Questo modello viene considerato anche abbastanza preciso ma anche in questo caso le modalità con cui viene utilizzato sono fondamentali per ottenere un risultato ottimale. Per ultimo, c’è anche il termometro a striscia reattiva che è composto da una fascia da applicare sulla fronte che consente di ottenere la misurazione richiesta, quest’utlima infatti cambia colore in base alla temperatura del corpo, ma non vi è certezza sull’affidabilità di questo modello.

Il termometro di vetro

Il termometro a galinstao sfrutta la dilatazione termica del liquido contenuto all’interno del termometro in vetro. Questo modello infatti presenta un liquido che tende ad espandersi dal bulbo e risalire sul tubicino per indicare la temperatura corretta. L’utilizzo di questo modello è abbastanza semplice e sbrigativo, anche se è consigliabile posizionarlo in modo stabile e tenerlo ben fermo in sede per qualche minuto in più piuttosto che in meno. Il galinstao è un materiale atossico e non inquinante perciò la scelta di questo termometro viene considerata ecologica, da prendere però in considerazione il fatto che la struttura in vetro può risultare molto fragile. Infine, non si può non citare il termometro a mercurio che funziona nella stessa identica maniera di quello a galinstao anche se consente di ottenere una misurazione della temperatura corporea ancora più precisa, anche se, vi è l’inconveniente che il mercurio è altamente tossico motivo per cui da quasi dieci anni è impossibile trovarlo sul mercato ed è perciò stato sostituito dai modelli più recenti.

Quale termometro scegliere

La scelta del termometro, soprattutto se si hanno bambini in casa dovrebbe ricadere sul modello digitale questo perché garantisce correttezza e precisione nella misurazione ed assicura resistenza maggiore rispetto al modello in vetro che al contrario è molto fragile. Il termometro digitale è più semplice a utilizzare rispetto ad alti modelli ed emette un suono alla fine della misurazione che può essere utile er tranquillizzare il bambino.