Home » Business » Vendita di vestiti usati per bimbi, dal passaparola all’attuale online

Vendita di vestiti usati per bimbi, dal passaparola all’attuale online

I tempi cambiano e le tecnologie vanno a semplificare molte pratiche che in passato richiedevano un maggior impiego di tempo. Tali cambiamenti interessano quasi ogni settore, come quello degli indumenti per bambini e il rivenderli una volta diventati piccoli a causa della crescita del piccolo. Una volta si affidava tale compito al passaparola tra amici e parenti, di sicura efficacia ma limitato nella portata per ovvi motivi. Oggi sempre più persone preferiscono ricorrere alla vendita di vestiti usati per bambini, attraverso dei specifici portali online. Cerchiamo di capire insieme i benefici di tale cambiamento.

Vestiti per bambini? Un investimento dalla breve durata

Chiunque abbia dei figli lo sa molto bene: i vestiti, le scarpine e gli accessori per bambini sono piuttosto costosi, fattore che non va di pari passo con la loro utilità nel tempo. Soprattutto nei primi mesi di vita del nascituro, la fase di crescita è davvero molto rapida, e quanto acquistato oggi, dopo un mese o due rischia di diventare obsoleto nelle misure, nonostante non abbia avuto una reale usura. In passato per recuperare almeno una parte dei soldi spesi in indumenti e accessori per bambini, si ricorreva all’utilizzo del passaparola tramite amici e parenti. Sicuramente tale metodo è efficace, proprio per la parola che l’intermediario mette in favore del venditore, ma per ovvi motivi risulta limitato nella copertura di potenziali acquirenti. Per ovviare a tale inconveniente, negli ultimi anni sono nati degli specifici portali online, dei market place che sfruttano le infinite potenzialità del web e che permettono alle persone di pubblicare delle inserzioni per vendere gli indumenti usati dei bambini. I benefici di tale pratica? Sono più numerosi di quelli che in un primo momento si potrebbe considerare, e non riguardano solamente la velocità con cui rivendere quanto non più utilizzato. Vediamo insieme tali benefici.

I benefici del vendere online i vestiti usati dei bambini

Come anticipato, ricorrendo alla vendita dei vestiti usati per bambini, si ha la possibilità di accedere ad alcuni benefici. Innanzitutto, a prescindere dal canale di vendita utilizzato, la vendita di tali vestiti è una buona pratica, perché in caso di prodotti ben conservati, permette a persone con minori possibilità economiche di acquistare comunque prodotti di qualità. In seconda battuta, il “riciclo” degli indumenti, è una scelta decisamente eco-sostenibile, fattore che in un’epoca sempre più dominata dal pensiero green, non è certamente da sottovalutare. Quando un vestito in buone condizioni viene rivenduto, si evita che ne venga prodotto un altro, e che questo debba essere successivamente smaltito una volta terminata l’utilità. Da questa situazione ne consegue una minore emissione di Co2 nell’ambiente per la produzione e il trasporto degli stessi, e un quantitativo inferiore di rifiuti. Infine, ma non da ultimo, rivendere i vestiti non più utilizzati, permette di recuperare una parte dei capitali spesi precedentemente, per poterli poi reimpiegare diversamente.

Perché vendere i vestiti usati per bambini online

Una volta chiarito il concetto di come vendere i vestiti non più utilizzati dai bambini, che nel corso dei mesi si accumulano a causa della veloce crescita dei piccoli, ora rimane da capire perché tale pratica possa convenire maggiormente se attuata online. In prima battuta, il numero dei potenziali acquirenti interessati a quanto messo in vendita, è sicuramente maggiore rispetto a quello che si potrebbe avere con il semplice passaparola. In secondo luogo, per certi aspetti può risultare anche più comodo e pratico e il motivo è molto semplice. Molti marketplace che permettono la vendita di vestiti usati oppure specifici per il settore, hanno sviluppato anche delle pratiche app per smartphone, così da poter gestire comodamente tutte le fasi della vendita.

Ci sono due tipologie di servizi a cui ricorrere, uno del tutto gratuito che permette la compra-vendita tra privati senza intermediari. Il metodo è sicuramente vantaggioso data l’assenza di costi, ma in alcuni casi può rivelarsi più scomodo, a causa di acquirenti poco seri che fanno perdere tempo. In ogni caso, questo tipo di applicazione, prevede anche che a fronte di piccole cifre, si possano mettere in evidenza le proprie inserzioni ed acquistare più visibilità. La seconda tipologia prevede invece un intermediario, che a fronte di una commissione sulla vendita, mette al riparo dalle perdite di tempo citate. L’acquirente paga, come in un tradizionale shop online, e il venditore provvede alla spedizione. Solitamente per poter cominciare a vendere si deve aprire un account sul negozio desiderato, che tra le condizioni mette ovviamente che quanto venduto sia effettivamente in buono stato di conservazione e lavato nel caso si trattasse di indumenti. La fase dell’acquisto è ovviamente più facile, e del tutto simile a quello che avviene con un tradizionale e-commerce. Quella della vendita invece risulta più complessa, perché soprattutto all’inizio, senza una “reputazione” alle spalle, potrebbe non essere semplice. Per aumentare le possibilità di vendere quanto desiderato però, ci sono alcuni accorgimenti da adottare.

Vendere vestiti usati per bambini online: alcuni consigli

Per aumentare le probabilità di vendita, esistono alcuni accorgimenti utili che se adottati possono concedere qualche chance in più. Molti di tali accorgimenti sono in realtà comuni a qualsiasi altra tipologia di prodotti, anche nuovi. In primo luogo, scattare delle foto di buona qualità, magari prendendo in considerazione eventuali dettagli da mettere in evidenza del vestitino o dell’accessorio. Le foto sono il primo fattore con cui le persone approcciano all’inserzione, quindi meglio sono realizzate, minore sarà la diffidenza dell’acquirente. In secondo luogo anche la descrizione del prodotto è importante, che sia chiara e con informazioni veritiere. Inutile precisare come i dettagli sulla taglia e sull’età indicata per il vestito siano importantissimi e da comunicare con esattezza. Nei portali dove è previsto un sistema di feedback sul venditore, tali accorgimenti sono ancora più importanti, e il motivo è molto semplice. Un maggior numero di transazioni andate a buon fine, contribuiranno a migliori recensioni, quindi faciliteranno le future vendite.